In questo articolo troverai 4 outfit ideati in base a 4 diversi settori lavorativi.

 

Colloquio di lavoro.

Questo temuto e ambito da molti, soprattutto dai più giovani ma non solo.

Sappiamo tutti come al giorno d’oggi sia difficile non solo trovare lavoro  ma anche ottenere un colloquio di lavoro!

Per questo quando lo otteniamo vogliamo fare una buona impressione a tutti i costi sperando di essere richiamate.

Prima di arrivare ai look che ho pensato per te e per il tuo colloquio però, vorrei soffermarmi su qualcosa di importante.

 

La motivazione del tuo lavoro.

Le motivazioni come ben saprai possono essere molte:

  1. Guadagnare un po’ di soldi extra mentre studi.
  2. Fare esperienza in un settore che ti piace molto ma in cui non hai mai lavorato prima.
  3. Guadagnarti da vivere mentre studi/lavori per il lavoro dei tuoi sogni.
  4. Capire se quell’ambito che ti incuriosisce tanto ti piace davvero.

 

Le motivazioni quindi, come abbiamo visto, possono essere molte e io ti consiglio di tenere bene a mente la tua.

 

Nel caso in cui tu abbia ben chiare le tue aspirazioni, favoloso!

Sogna in grande e non smettere di crederci solo perché le persone che ti circondano credono che sia impossibile!

 

Nel caso in cui tu non le abbia ancora ben chiare ti ricordo che…

ognuno di noi è una persona unica, con un particolare talento e anche se non hai ben chiaro quello che vuoi fare in ambito lavorativo, sono certa che saprai bene quali sono le cose che ti interessano (anche se non riesci ad immaginarle come lavoro).

Non stressarti se ancora non hai capito qual è il lavoro a cui ti piacerebbe dedicarti per il resto della tua vita, non stressarti pensando di essere in ritardo rispetto alla tabella di marcia (fatta da chi poi??), rilassati e respira a fondo.

 

Si, ma io ho bisogno di lavorare, la vita, non prendiamoci in giro, ha un suo costo (e neanche così basso)!

Hai ragione, ti capisco pienamente.

Quelli che leggerai di seguito sono 3 consigli per te che ti trovi in questa situazione:

  1. TROVA UN LAVORETTO CHE POSSIBILMENTE NON OCCUPI TUTTA LA TUA GIORNATA, cosa intendo con questo? Intendo di cercare un lavoro per mantenerti, ma non di lavorare 12 ore al giorno (se è possibile neanche 8!), perché le restanti ore della tua giornata dovrai impiegarle per attività e studi a cui sei davvero interessata.
  2. IMPIEGA IL TEMPO RESTANTE DELLA TUA GIORNATA APPROFONDENDO ARGOMENTI CHE TI INTERESSANO, fallo senza uno scopo inizialmente, per il semplice gusto di farlo, iscriviti a corsi che ritieni interessanti e dedicati ai tuoi hobby.
  3. TIENI A PORTATA DI MANO UN QUADERNINO/AGENDA dove poter annotare le idee che ti vengono durante la giornata, le idee possono essere di vario genere e non per forza riguardare l’ambito lavorativo. Una volta a settimana prendi in mano il quadernino e rileggi quello che hai scritto durante la settimana.

Lo scopo di tutto ciò è quello di osservarti di più (senza giudicarti!) per capire verso cosa ti senti più orientata.

Vedrai che se non ti metterai pressione e non ti limiterai prima o poi arriverà il “lampo di genio”.

 

Ma tornando alle motivazioni…

Queste sono fondamentali come base di partenza.

Perché?

Perché esse determineranno il tuo approccio al tuo nuovo lavoro MA ATTENZIONE a non per mettergli di limitarlo.

Esempio: inizi un lavoro come cassiera in un supermercato per sostenerti mentre ti formi su altro, ma in quel periodo ti viene proposto di diventare manager di reparto e la cosa ti alletta davvero tanto (quasi di più di quello che avevi in mente), ovviamente benvenuta sia quest’opportunità!

Dico che sono fondamentali come base di partenza perché nel caso in cui l’ipotesi sopracitata non si verifichi, queste ti manterranno focalizzata sulle altre cose che ti interessano davvero non facendoti scendere l’entusiasmo che hai verso altri ambiti.

Ricorda sempre il perché quando ti senti giù.

 

C’è un’ultima cosa che voglio dirti, un consiglio che potrà sembrare banale ma che invece è super POTENTE!

Sei pronta?

Questo è qualcosa che a me è sempre venuto spontaneo e che ho fatto sempre senza pensarci troppo negli anni passati e soltanto poco fa ho realizzato la sua forza.

“Sogna, sogna ad occhi aperti (ma davvero???), immagina chi ti piacerebbe essere, cosa faresti, immagina situazioni, esperienze che ti piacerebbe fare, come ti vestiresti e poi…

Prendi un foglio, un quaderno, quello che preferisci e fai un elenco di esperienze che ti piacerebbe fare.

 

Non ti preoccupare di esagerare, di risultare utopica, sopra le righe.

 

Fai poi il primo passo verso quelle che ritieni più realizzabili (quando farai il primo passo, arriverà il secondo e poi il terzo).

 

Significa che con questo troverai il lavoro dei tuoi sogni?

Non è detto, ma è possibile che quelle esperienze che desideri fare ti ci avvicinino o ti aiutino a capirlo, se le desideri così tanto probabilmente è perché vogliono insegnarti qualcosa!

 

Ah si! Poi quando ho ripreso quei fogli ho messo tanti check! 😉

 

Come hai visto è davvero semplice ma ti aiuterà ad rendere più reali le cose che finora hai soltanto sognato.

 

Passiamo ora agli outfit.

Per questo articolo li ho suddivisi in 4 categorie:

  1. Per lavori più creativi come: graphic designer, fotografa, visual merchandiser, sviluppatrice di siti web, social media manager, video maker ecc.
  2. Per lavori in cui è importante il contatto con il cliente/pubblico come: addetta alla vendita, receptionist, hostess, cameriera, customer service ecc.
  3. Per lavori in ambito economico o legale: esperto contabile, revisore legale, manager, business developer ecc.
  4. Per lavori nel settore sanitario in cui si è a contatto con il paziente: infermiera, OSS, fisioterapista ecc.

 

Per la prima categoria ho scelto un maglioncino giallo per comunicare il tuo essere creativa a contrasto non una gonna nera a tubino in similpelle che ti comunica come una persona sicura di sé e determinata, ho aggiunto un tocco di classe con un  foulard con la stampa stile anni ‘80 da annodare al collo o alla borsa.

Ho accompagnato il tutto con toni cammello.

Ad un colloquio di questo genere puoi permetterti di osare un po’ di più e mostrare il tuo estro ma attenta alle stravaganze che invece non sono ben viste nella maggior parte dei colloqui di lavoro.

 

 

La seconda categoria è quella più a contatto con il pubblico, ho scelto un look sobrio con una blusa verde petrolio che ti descrive come una persona equilibrata e calma, caratteristiche fondamentali per chi si troverà poi a contatto con il pubblico, ma anche solida e perseverante nel raggiungimento dei propri obiettivi.

Ho scelto il bordeaux per accompagnare l’outfit e renderlo più sofisticato.

 

Per la terza categoria, quella più economica e/o legale, ho scelto un insieme che comunica serietà e non resa di fronte agli ostacoli.

Avrai a che fare con numeri o leggi e il messaggio da trasmettere è quello di una persona capace ed affidabile, che sa il fatto suo, senza per questo dimenticare la morbidezza della femminilità.

La blusa blu in chiffon che ho scelto per te è infatti molto femminile e l’azzurro della borsa e del bracciale schiariscono e rilassano il look.

 

 

La quarta categoria è quella a contatto con il paziente.

Il blu ti presenterà come una persona sensibile, tranquilla e degna di fiducia e il rosa a piccoli tocchi comunicherà empatia.

L’insieme risulterà equilibrato e deciso.

 

 

Ti sono piaciuti questi outfit? Condividili con le tue amiche che pensi ne possano aver bisogno!

Ne sarei davvero felice!

Ricorda sempre di portare un po’ di te come persona e non solo come professionista al colloquio di lavoro.

In fondo sarai tu che lavorerai in quella posizione ed è inevitabile ed auspicabile che porti parte di te e delle tue capacità innate nella tua quotidianità.

Ti faccio un grande in bocca al lupo!!!